25 anni di trasformazione del mondo con ThinkPad
Torna alla griglia

Progettato per stupire: la metamorfosi del ThinkPad del 1995

Il 1995 è stato un anno rivoluzionario per il mondo della tecnologia. Una piccola società di nome Amazon.com ha venduto il primo libro su un sito di nuova pubblicazione, mentre il mondo degli appuntamenti online muoveva i primi passi in territori inesplorati con Match.com. È stato anche l’anno in cui il team di sviluppo ThinkPad ha trasformato radicalmente la percezione dell’aspetto di un portatile: questo grazie al 701C, un notebook la cui straordinaria innovazione ha rimpiazzato idee ormai ripetitive.

Sebbene vi fosse decisamente aria di cambiamento, un’area particolare del settore era ancora stagnante. All’inizio degli anni ’90, quasi tutti vendevano portatili con il classico design a conchiglia. I notebook si differenziavano appena l’uno dall’altro, con lo schermo che si apriva sopra una tastiera delle stesse dimensioni. Il problema di questa concezione era che all’epoca gli schermi erano piuttosto piccoli, per cui le tastiere dovevano essere altrettanto compatte, limitando lo spazio per la digitazione.

Consapevoli della necessità di rendere più comode le tastiere dei portatili, gli ingegneri Lenovo sono stati i primi a ragionare letteralmente fuori dagli schemi. Invece di concentrarsi solamente sul miglioramento delle specifiche dei notebook, hanno spostato l’attenzione su come migliorare l’esperienza utente. Ecco perché l’ingegnere ThinkPad John Karidis ha creato una soluzione così ingegnosa da essere esposta nella collezione permanente del MOMA.

Grazie a un’ispirazione nata dai mattoncini con cui giocava insieme alla figlia, il brillante progettista ha dato vita a un’idea che sarebbe presto diventata la tastiera a farfalla del 701C. Quando notò che due blocchi triangolari potevano scorrere insieme cambiando le proporzioni di un rettangolo, si accorse di aver risolto il problema. Il giorno seguente al lavoro, dopo aver gettato il ThinkPad su una copiatrice, prese un paio di forbici e tagliò la sagoma sulla diagonale. Il resto, come si dice, è storia.

Grazie a questa incredibile scoperta, Karidis riuscì a inserire una tastiera completa da 11,5 pollici in un portatile più piccolo da 9,7 pollici. Divisa in due parti, la tastiera a farfalla si unisce ed espande ad ali in modo uniforme quando in uso e si separa rimpicciolendosi quando il coperchio è chiuso.

Presto popolare, questo insolito notebook ha richiamato l’attenzione di buona parte della stampa ed è apparso anche in un film di James Bond. Catturando l’immaginazione del pubblico, il ThinkPad 701C divenne presto il portatile più venduto del 1995 e, nonostante la domanda abbia avuto vita breve a causa dell’introduzione sul mercato di schermi più grandi e conseguentemente tastiere di dimensioni maggiori, oggigiorno l’influenza del sistema a farfalla è ancora evidente.

Nell’ambito di una metamorfosi mediocre, non solo questa funzionalità unica nel suo genere ha definito un nuovo standard per il settore, spingendo le aziende a dedicare risorse al miglioramento dell’esperienza utente, ma soprattutto la tastiera a farfalla ha cambiato il rapporto degli utenti con i portatili, creando un legame emotivo con coloro che ne sono stati i proprietari. Rivoluzionaria e innovativa, ma allo stesso tempo pratica: una filosofia che si è evoluta anche con i ThinkPad odierni.

Processori Intel® Core™ Intel Inside®. Powerful Productivity Outside.

Non è un semplice notebook. È ThinkPad

Per saperne di più su ThinkPad e acquistare i nuovissimi notebook e tablet, visita il sito Web Lenovo.com.

Ultrabook, Celeron, Celeron Inside, Inside, Core Inside, Intel, Logo Intel, Intel Atom, Intel Atom Inside, Intel Core, Intel Inside, Logo Intel Inside, Intel vPro, Itanium, Itanium Inside, Pentium, Pentium Inside, vPro Inside, Xeon, Xeon Phi, e Xeon Inside sono marchi di Intel Corporation o delle relative affiliate negli Stati Uniti e/o negli altri paesi.